Cesena - lecco serie C semifinale di ritorno

La squadra lombarda del Lecco, ha finalmente raggiunto la promozione in Serie B. Nonostante i festeggiamenti che mancava, dopo tanti anni, adesso non può iscriversi al prossimo campionato.

Una goia ma anche una delusione

Per il club, la gioia di arrivare in Serie B dopo 50 anni è veramente un sogno che diventa realtà. Una bella notizia per tutti compreso i tifosi, ma adesso il vero problema per la squadra del Lecco resta quello che non può iscriversi al prossimo campionato. Ma cosa è successo? In teoria il Lecco è senza lo stadio, sì perchè il Rigamonti-Ceppi risulta non essere a a norma e con questo serio problema, la società lombarda si è appoggiata sull’Euganeo di Padova ma nonostante tutto anche la Prefettura ritarda nel concedere il permesso. E ora? Per la tempistica che richiede le regole dello sport del calcio, il Lecco per occuparsi di questo, non ha pensato nemmeno chiesto all’iscrizione alla Serie C, dunque oltre che a ritrovarsi senza stadio potrebbe saltare definitivamente il campionato in programma per il prossimo anno. Queste news le puoi trovare nella piattaforma dedicata al mondo dello sport dove ci sono  bonus, vantaggi e ricchi premi tra cui anche le offerte dei nuovi bookmakers che ti aspettano con i loro pronostici, le quote e le migliori statistiche che per saperne di più puoi andare a cliccare su www.campeonbet.info.

Il passaggio in Serie D

Nonostante tutto a questo punto, alla squadra del Lecco non resta altro che il passaggio in Serie D. Per questo motivo, nel frattempo, tutti gli avvocati che hanno preso in mano il ricorso della società, si stanno occupando di trovare una soluzione al caso. Infatti con la promozione ottenuta in Serie B ed i playoff di Serie C, si potrebbe chiedere comunque l’allargamento del prossimo campionato di Serie B a 21 squadre, se in caso non è possibile, 61 squadre della Serie C, ma il problema resta la tempistica. Per l’iscrizione del prossimo campionato bisogna comunque avere uno stadio a norma per la Serie B. Adesso l’unica soluzione è quella dello stadio di Padova ma a quanto pare, sappiamo che non è stato possibile consegnare i documenti per la  Prefettura. Non c’è dubbio alcuno che nello stesso tempo il club del Lecco doveva pensarci prima in modo da risolvere il problema. Per vivere un wee kend a Torino e visitare musei, cappelle, la Mole Antonelliana ed i monumenti più belli vai su questa pagina e leggi tutte le info.

Tempi scaduti?

Almeno si sarebbe potuto chiedere una proroga alla Figc e alla Lega B che sicuramente avrebbe risolto il problema. Ma da una parte la squadra del Lecco subisce una vera e propria beffa, perché l’iscrizione alla Serie B potrà essere respinta compresa anche quella della Serie C e quindi, noi ci chiediamo come farà ? Paolo Di Nunno sta lavorando per far rientrare il Lecco nel prossimo campionato, ma la promozione l’ è vinta e dunque in questo caso solo il ricorso può fare qualcosa. Sicuramente con questa richiesta, la Figc potrebbe accogliere la domanda, altrimenti il club è costretto ad andare nella Serie D, cosa che tuttavia lascia la squadra ed i suoi uomini perplessi e delusi. Non è giusto subire questa ingiustizia, in fondo il Lecco si è impegnata per ottenere quella promozione dopo 50 anni in Serie B vedendosi sfumare quel sogno diventato realtà che alla fine diventa una bella presa in giro solo per una questione di tempistica…

Di Admin