image

Non solo Perugia e Assisi. L’Umbria è piena di piccoli paesi che racchiudono un grandissimo patrimonio d’arte. Il progetto “Terre & Musei dell’Umbria” li valorizza e li mette in rete. Ne fanno parte 12 Comuni: Amelia, Bettona, Bevagna, Cànnara, Cascia. E ancora Deruta, Marsciano, Montefalco, Montone, Spello, Trevi e Umbèrtide. Da poco è stato lanciato il nuovo portale web dove si trovano tutte le informazioni necessarie per le visite ai borghi e ai loro musei, ma anche le segnalazioni di tutti gli eventi che si svolgono sul territorio. www.umbriaterremusei.it

Umbria, Italy

eden-hotels-la-meridiana-perugia-percorsi-assisi-16711

Sono molte le testimonianze delle esperienze spirituali di santi, e soprattutto sante, visibili grazie a edifici preziosi e storie straordinarie: l’Umbria, in particolare nella provincia di Perugia, disegna un itinerario nei luoghi più belli della regione.  A Perugia nell’ex monastero di San Pietro e nella chiesa di San Domenico si trovano le tracce di beata Colomba da Rieti che operò per l’istruzione e la pace nella città a fine ‘400. Più a nord, a Città di Castello è possibile seguire la vita di santa Veronica Giuliani, una delle più grandi mistiche della storia, (monastero delle Cappuccine di Santa Chiara) e della beata Margherita (chiesa di San Domenico) che raggiunse una sorprendente pienezza intellettuale e spirituale. Tappa fondamentale è Assisi, gemma del patrimonio culturale umbro. La città è conosciuta soprattutto per aver dato i natali a San Francesco e Santa Chiara. Le chiese a loro dedicate accolgono pellegrini provenienti da tutto il mondo e custodiscono i capolavori di Giotto, Cimabue, Pietro Lorenzetti e Simone Martini. Fuori dal centro storico altri luoghi francescani sono l’eremo delle Carceri, il Sacro Tugurio (l’angusto rifugio del Santo) e la Porziuncola, dove egli morì nel 1226. Il viaggio alla ricerca della spiritualità può concludersi presso l’abbazia di Montelabate, nota anche come Santa Maria di Valdiponte. Databile tra il IX e il X secolo, l’architettura custodisce un bellissimo chiostro medievale.
Per informazioni visitare il sito

Umbria, Italy

image

100 mila anni fa, Monte Venere, nel Lazio, cessa la sua attività vulcanica e il suo cratere viene riempito dalle acque che formano quello che oggi è chiamato Lago di Vico. Per l’enorme valore naturalistico di tutta la valle, questa conca ammantata di boschi è Riserva Naturale. Il bacino ha la forma di un ferro di cavallo, circondato da cinte montuose e da distese di vegetazione. Faggi, querce, noccioleti e castagneti sono la dimora di tantissime specie che animano la zona, dagli uccelli ai mammiferi, dai rettili agli anfibi. www.parchilazio.it

Via Lago di Vico, 06034 Maceratola PG, Italy

b2ap3_large_spighe-verdi-2016

L’eccellenza di 9 regioni italiane riconosciuta dalla Fondazione per l’educazione ambientale e Confagricoltura. Le “Spighe Verdi”, affiliate alle “Bandiere Blu”, hanno premiato i comuni rurali più attenti alla valorizzazione delle risorse naturali locali. Confagricoltura ha selezionato 13 località in 9 regioni: Castellina in Chianti, Massa Marittima e Castagneto Carducci per Toscana, Agropoli, Positano e Pisciotta per Campania, Serralunga di Crea per Piemonte, Lavagna per Liguria, Caorle per Veneto, Matelica per Marche, Montefalco per Umbria, Ostuni per Puglia e Ragusa per Sicilia. Complimenti! www.confagricoltura.it

06036 Montefalco PG, Italy

orvieto

Benozzo Gozzoli è stato uno dei grandi protagonisti della pittura rinascimentale nostrana ed ha lasciato tracce del suo lavoro in tutto il centro Italia. Seguirle significa attraversare arte e territori, Duomi e monasteri, da Orvieto a Narni, passando per Montefalco (Perugia) . Un itinerario fatto di affreschi e dipinti è descritto sul sito www.umbriatourism.it

06036 Montefalco PG, Italy

montefalco

Fino al 7 maggio 2017 al Complesso Museale di San Francesco di Montefalco (Perugia) è possibile ammirare l’arte di Antoniazzo Romano. Esposta accanto alla sua pala raffigurante “San Vincenzo, Santa Caterina d’Alessandria e Sant’Antonio da Padova”, custodita nella Chiesa di Sant’Illuminata della città dal 1491, c’è la “Madonna col Bambino tra i Santi Paolo, Benedetto, Giustina e Pietro”, conservata solitamente nella Pinacoteca di San Paolo Fuori le Mura a Roma. Un’occasione unica per consentire un vero e proprio confronto tra i due lavori del Maestro, sottolineandone gli intrecci tra suggestioni moderne e valori antichi, tra tradizione romana e montefalchese. www.museodimontefalco.it

06036 Montefalco PG, Italy

X
- Enter Your Location -
- or -