Coboldo Gigli e la Juve

L’ex presidente è tornato a parlare della squadra bianconera dopo il pareggio ottenuto contro il Napoli all’Allianz Stadium

Ieri sera la Juventus ha pareggiato contro il Napoli. Questa punteggio è valevole per la prima gara del girone di ritorno del campionato italiano di Serie A. L’ex presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli, sempre molto critico nei confronti dei bianconeri e delle decisioni prese dall’azienda in questi periodi, è tornato a parlare dei bianconeri durante l’intervista da parte dei microfoni del programma radiofonico 1 Football Club.

Se ti piacciono le scommesse sportive, trovi bonus e scommesse online sul sito di Bet2u Welcome Bonus del 2022

Coboldo Gigli ha riassunto così l’attuale Juve, dopo la partita di ieri

Coboldo Gigli ha dichiarato di non aver visto la partita ieri sera, ma da quello che ha letto, è stata un po’ la Juventus già rivista. Ovvero, parte bene ma poi si siede e cala nel rendimento. Durante il secondo tempo, il Napoli si è dimostrato davvero agguerrito. Fortunatamente Chiesa ha fatto gol, e la squadra bianconera ha trovato quindi il pareggio. Ma questo non è sufficiente. Il tifoso Coboldo Gigli non è contento. Spera ancora nel quarto posto, ma le altre restano distanti.

Coboldi Gigli ha commentato la partita da “presidente” e da “tifoso”

Il dirigente ha poi parlato riguardo il mercato della Juventus. Soprattutto con un focus sugli attuali attaccanti bianconeri, partendo da Morata, passando per Dybala, fino ad arrivare anche a Moise Kean. A proposito di Morata, ha dichiarato che è un bravo ragazzo, dotato di molta volontà, ma vive di troppi alti e bassi. Allegri ha detto che vuole tenerlo, ed ha ragione: non avrebbe senso cambiare se non hai la certezza di migliorare. Non crede che la Juventus farà mercato. Non ci sono i soldi. Coboldi Gigli ritiene quindi difficile che la Juve faccia più di un acquisto. Dybala, invece, non vive un grande momento fisico, poiché non gli è stato dato il tempo necessario al recupero dai suoi problemi fisici. Da tifoso, riguardo al rinnovo, dichiara che vorrebbe vederlo rinnovato, perché crede che possa ancora dare tanto alla squadra. Invece, da presidente, si farebbe qualche domanda. Perché la Juventus necessita di un Dybala davvero presente. Kean, teme che si sia lasciato un po’ andare come persona. Gli manca un po’ di equilibrio educativo, qualità che un grande giocatore dovrebbe avere.

La Juventus ha l’obbiettivo di porsi quarta a tutti i costi

Solita Juve quindi per l’ex presidente. Ma, conlcudendo, non si è dimostrato affatto contento. Per una Juve che parte alla grande e poi decade. Ha proseguito affermando che, se fosse ancora presidente della Juve, farebbe ricorso per i giocatori del “Napoli” che erano stati isolati. Si dimostra preoccupato per la situazione generale. Nel frattempo, durante il campionato, aveva già visto dei segnali di ripresa, almeno dal punto di vista dei risultati, non tanto del gioco. Attualmente, in Serie A appare davvero complicato per i bianconeri giungere al quarto posto, e crede che l’obbiettivo da porsi sia quello di arrivare quarti a tutti i costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.