L’arrivo delle ferie ed il desiderio di trascorrerle all’aperto

Quando, dopo tanta attesa, arriva finalmente il periodo dell’anno in cui un lavoratore può andare in ferie, quest’ultimo spesso e volentieri nutre il pensiero di godersi le sue vacanze in luoghi al verde, aperti ed arieggiati per ricompensare tutti i mesi trascorsi nel cuore della baraonda urbana e nel piccolo spazio chiuso del proprio appartamento. Si nutre la voglia e il bisogno di godersi i colori, l’atmosfera e il clima di luoghi naturali e lontani dai centri città. Proprio per tale motivo, in qualsiasi stagionalità dell’anno, specialmente in primavera e in estate, ogni turista è attratto dall’idea di visitare parchi e giardini e sicuramente li inserisce nel suo planning.

I spazi verdi dell’isola di Ischia, l’isola verde

L’isola di Ischia che, appunto, è stata definita da Travel+Leisure la più bella del mondo, è chiamata anche l’isola verde. Tale titolo le è stato attribuito proprio per la sua capacità di essere un polmone verde, ricco di zone montuose ed orti botanici in cui cresce una vasta e rigogliosa vegetazione. Scopriamo insieme quali sono alcuni dei giardini di Ischia più amati e, di conseguenza, visitati dai turisti!

I giardini La Mortella

I giardini La Mortella si trovano nel Comune di Forio di Ischia e rappresentano la zona botanica di quella che una volta fu la dimora dei prestigiosi inglesi William Walton e Susana Walton. William fu un famoso compositore musicale formatosi ad Oxford che, durante il 1948, si innamorò della giovane signorina benestante Susana Gil Passo. Lei, nonostante la sua famiglia abbiente, decise di lavorare presso il Consolato Britannico di Buenos Aires e proprio quest’ultimo fu galeotto per il primo incontro con il suo amato William.

I due si trasferirono ad Ischia, siccome William era innamorato dall’Italia, avendola potuta visitare già in passato a causa del suo lavoro. Il desiderio di Sir William fu proprio quello di stabilirsi in un’oasi di pace, luce e natura per scoprire l’ispirazione giusta per redigere i suoi spartiti musicali.

Lady Susan, mentre il suo Sir si dedicò alla musica, impiegò il suo tempo nel curare ed impreziosire i giardini La Mortella: è risaputo, del resto, che gli inglesi sono dei maestri giardinieri.

Il giardino per la sua vegetazione rigogliosa e vasta è alla stregua di un orto botanico, ciò che lo differenzia da esso è l’assenza di sistematicità e suddivisione delle piante per criteri geografici. Il giardino si estende per due ettari ed è composto in modo misto e armonioso, generando un’atmosfera lussureggiante, esotica, variopinta e sub-tropicale. Di fatto, presso questo giardino, si possono trovare piante provenienti da ogni parte del mondo e molto rare da trovare in altre parti d’Italia. Qui ho osservato degli esemplari unici, a partire dal vasto giardino dell’aloe.

La distesa botanica è composta da più livelli, vanta una spettacolare vista panoramica ed è impreziosita da ruscelli e piante acquatiche come ninfee, papiri e fior di loto.

In una serra si trova quella che per lady Walton è la regina delle piante acquatiche, ossia la Victoria. Venne scoperta nel 1800 dagli esploratori europei in Brasile e venne improntata in Inghilterra per dedicarla alla regina Vittoria d’Inghilterra.

I giardini di Ravino

I giardini di Ravino sono frutto della passione per la natura ed il giardinaggio del capitano di Marina Giuseppe D’Ambra che, nel Comune di Forio, ha raggruppato in una distesa di oltre 6000 mq ben 5000 esemplari di oltre 400 specie diverse di piante perlopiù tropicali, succulente e cactacee. La visita si snoda in percorsi privi di barriere architettoniche, creando un’atmosfera più wild e avventuriera.

All’interno di questo giardino sono presenti tanti esemplari difficili da trovare in altre parti di Italia perché le piante in questione hanno seguito il processo di acclimatazione. Questo processo consiste nella capacità da parte di un organismo di adeguarsi a delle condizioni climatiche differenti da quelle del proprio habitat naturale.

Conclusione

In conclusione, i giardini sono da sempre le attrazioni turistiche preferite dai turisti. È fondamentale per il corpo umano respirare aria pulita e trascorrere tempo all’aperto. Proprio per tale motivo, sono sempre di più coloro che cercano di costruire dei giardini intorno lo spazio inutilizzato intorno la propria dimora familiare. A tale proposito, è sempre consigliabile fare riferimento a figure professionali, come ad esempio a delle realtà addette nella progettazione di giardini per fare giardinaggio Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.